Le restrizioni di Vista vi preoccupano? Questo perché non sapete cosa vi aspetta con le prossime versioni!

Vista patch

Se, come me, siete preoccupati per le nuove restrizioni imposte da Vista: DRM, licenze restrittive, confusione sulle versioni, incompatibilità di vario genere, restrizioni d'uso per gli utenti, c'è il serio rischio che la vostra preoccupazione si trasformi in un vero e proprio incubo con le prossime versioni del sistema operativo.
Il volto di Steve Ballmer potrebbe arrivare a terrorizzarvi più di quello di Freddy Krueger! :-D

Se siete persone impressionabili non proseguite oltre, perché quelli di Groklaw hanno scoperto che Microsoft ha registrato una richiesta di brevetto la quale, se accettata, ci proietterebbe in uno scenario da film dell'orrore:

An operating system and method for use include a core function module, or basic kernel, providing fundamental operating system support and one or more add-on modules that allow customization of the operating system as desired. Add-on modules may provide support or extended capability to the computer including hardware, applications, peripherals, and support. A digital signature may be used to confirm the integrity of an add-on module prior to installation. Certification may be verified to determine if installation of the add-on module is authorized. By withholding certification, a service provider may manage illegal or undesired modifications to a provided computer. Digital rights management may be used to enforce terms of use of the add-on module in keeping with licensing arrangements.

Tradotto in italiano ed in parole povere, si parla di un sistema operativo "modulare", in cui ogni singola "funzionalità" dovrà essere acquistata separatamente, sarà pesantemente "protetta" da sistemi di DRM, ed avrà una sua personale "licenza d'uso".
Attenzione, non si parla di "applicazioni", ma di funzionalità "base" del sistema operativo, tipo: networking, accesso ad internet, avvio di più istanze multiple dello stesso programma, uso di una periferica USB (con licenza per ogni singolo device), e via discorrendo!
I simpaticoni di Microsoft hanno anche previsto la possibilità di far pagare separatamente la possibilità di installare applicazioni di terze parti o il supporto per l'aggiunta di nuova RAM sul computer:

5. Il sistema operativo di cui al punto 1, in cui almeno un modulo di add-on consente l'installazione di software applicativo non certificato.
[....]

[...]

7. Il sistema operativo di cui al punto 1, in cui il sistema operativo comprende anche un modulo di attivazione della memoria, in cui almeno un modulo di add-on coopera con il modulo di attivazione della memoria per consentire l'utilizzo di memoria aggiuntiva

8. Il sistema operativo di cui al punto 7, in cui il sistema operativo richiede memoria aggiuntiva per implementare una capacità.

Potete leggere l'intera richiesta di brevetto al link che vi ho indicato, non è molto lunga, anche se è in inglese. Sembra che la Microsoft voglia far pagare agli utenti ogni singola funzionalità del sistema operativo, una specie di formula "usa e paga", o "attiva funzionalità e paga".
In pratica Microsoft intende trasformare gli utenti in vere e proprie mucche da mungere in ogni occasione!
L'utente non dovrebbe soltanto pagare l'hardware, ma dovrebbe pagare per ottenerne l'attivazione, ed a sua volta il produttore hardware dovrebbe pagare Microsoft per far rientrare il suo prodotto nella lista di quelli "accettati" dal sistema operativo.

Per me quelli di Microsoft hanno raggiunto il punto del non ritorno, un livello di "follia" commerciale aldilà di ogni possibile comprensione: la sola idea che qualcuno possa aver pensato di brevettare una tale "idea" di sistema operativo mi fa contemporaneamente ridere e preoccupare seriamente.

Vota questo articolo su Ok Notizie

Ti è piaciuto questo pezzo? Condividilo!

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
  • FriendFeed
  • Google
  • Google Reader